Black Bach. Classica e metal

Metal-Classical

Ammettiamolo: un difetto che hanno molti appassionati di musica classica è la tendenza a ritenere che nessun genere contemporaneo sia paragonabile al loro favorito, per difficoltà e profondità.

Questo può essere parzialmente vero. Come si fa a non trovare per la maggior parte scialbo il panorama musicale odierno, sapendo che esistono la Sinfonia Fantastica di Berlioz, la Rapsodia Ungherese di Liszt, o il finale del secondo atto de Le nozze di Figaro? Sembra che molti musicisti abbiano perso la capacità di andare oltre uno sviluppo puramente “orizzontale” dei temi, votandosi a una certa semplicità melodica.

Naturalmente, anche nei generi moderni si può trovare qualche rara avis con almeno un minimo di cognizione di causa. Ma esiste un genere, o meglio un insieme di generi, la cui difficoltà tecnica e di costruzione armonica e melodica si può tranquillamente accostare a quella della musica classica: si tratta del metal, un derivato del rock nato tra gli anni ’60 e ’70 in Inghilterra e suddiviso in vari sottogeneri. Il metal, com’è noto, è caratterizzato da un ritmo sostenuto e da una sonorità particolare ottenuta attraverso l’amplificazione e la distorsione di chitarre e bassi. Nasce come genere di protesta contro ogni sistema di valori precostituito e le tematiche dei testi variano a seconda del sottogruppo di appartenenza, dalla ribellione alla rievocazione mitologica.

D’accordo, direte voi. Ma cosa c’entrano quei capelloni dall’aria truce con la musica classica?

C’entrano eccome. Il metal è fortemente influenzato dalla musica classica, soprattutto Bach, Paganini, Mozart, Liszt e Wagner. La loro eco si sente nelle scale e nei fraseggi, e in generale il virtuosismo tecnico e nelle velocità di esecuzione ricordano certe modalità del romanticismo primo-ottocentesco. Il ritmo di Bach viene riproposto negli accordi di chitarra, accompagnati dalla batteria che tiene bordone. Naturalmente, non si tratta di riprese identiche, ma di rielaborazione; superfluo dire che non si è in grado di rielaborare una fonte se non la si conosce bene. Come risultato, le citazioni classiche, di solito presentate all’inizio come introduzione e riproposte nel corso del brano, sono talmente amalgamate col resto da rendere difficile isolarle, a meno di non conoscerle già.

A livello di tecnica vocale, imparare a eseguire lo “scream” e il “growl” senza finire in ospedale richiede tanta preparazione e padronanza quanta serve per impostare la voce nel canto lirico. Anzi, molti cantanti di gruppi metal o affini hanno una predilezione in questo senso, come la cantante dei Nightwish:

 

Adesso facciamo un paio di esempi pratici di quanto detto finora. Cominciamo con questo chitarrista:

 

 

Anche se non fosse scritto nel video, si sente perfettamente che sta eseguendo il terzo movimento della “Sonata al chiaro di luna” di Beethoven.

score_0

Spesso i musicisti metal hanno studiato la musica classica, come Michael Romeo, che usa le scale esatonali sul modello di Debussy, o Alexi Laho, cantante dei Children of Bodom, il quale ha iniziato a studiare violino a 7 anni e ha proseguito al conservatorio con chitarra e pianoforte. Ascoltate l’introduzione di questo brano:

 

 

 

 

Vi ricorda qualcosa? Ma certo. Precisamente, vi ricorda la Sinfonia n.25 di Mozart!

e5652121d0fbe6a8bb549fe8c27eb266b4177fac

Questo qui invece è Malmsteen.

 

 

 

Usano orchestre o parti di orchestra anche i Dimmu Borgir e gli Apocalyptica.

A questo punto non resta che una domanda: chissà se gli amanti del metal sanno di essere fan di Bach, Mozart e Beethoven?

DISCLAIMER: I diritti per le immagini utilizzate appartengono ai rispettivi ideatori e detentori di Copyright.

2 risposte a "Black Bach. Classica e metal"

Add yours

  1. Beh chi non si limita ad ascoltarli ma approfondisce il background dei musicisti metal lo sa… molti chitarristi e cantanti metal hanno anni di studi classici alle spalle.
    Altro esempio: “Unfinished Allegro” di Franz Schubert apre il primo disco degli Angra. Il loro cantante Andre Matos si è specializzato in direzione d’orchestra e composizione. Non è solo un capellone urlante 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: